Trasferirsi in Spagna: le prime 3 cose da fare Tre passi fondamentali da conoscere per trasferirsi in Spagna

Trasferirsi in Spagna: le prime 3 cose da fare Tre passi fondamentali da conoscere per trasferirsi in Spagna

Mollare tutto e andarsene dall’Italia sembra qualcosa di impossibile. Eppure se si fanno due calcoli lasciare il proprio paese non è poi così impensabile. Forse l’unica cosa che ti persuade a non farlo è la famiglia, il lavoro o il/la ragazzo/a. Però chi ha lasciato l’Italia è perché dentro di sè ha ancora un poco di “voglia di avventura”. Quindi, perché non provarci? In questo articolo vediamo cosa dobbiamo fare per trasferirsi in Spagna.


3 cose da fare per trasferirsi in Spagna

Casa, lavoro e lingua. Queste sono le tre parole chiave che dovete mettervi in testa prima di lasciare il “bel paese”. Però come iniziare? Prima di tutto dovete avere chiaro dove volete vivere in Spagna.

La Spagna è un paese molto grande e ci sono molte differenze nel vivere al nord o al sud, nelle baleari o alle canarie. Chiarito questo potete inziare la procedura di trasferimento in Spagna. (Questo tema è ben più complesso ne parleremo in un altro articolo).

Per trovare una casa in cui abitare e un lavoro per potervela permettere dovete cercare di comunicare con gli spagnoli. Iniziamo quindi a parlare della lingua.

Trasferirsi in Spagna: 1. la lingua




Lo spagnolo (o meglio, il castigliano) ci hanno sempre fatto credere che è molto semplice. Si dice che è “come il veneto” oppure che “basta aggiungere le esse al finale della parola” e…

PUF!

Come per magia sapete parlare lo spagnolo!

Non è per niente così! Toglietevi l’idea di trasferirvi in Spagna senza conoscere nemmeno una parola di spagnolo, o meglio castigliano (parleremo della differenza Spagnolo/Castigliano in dettaglio in altri articoli).

Dovete sapere la differenza tra il verbo Ser ed Estar, tra le parole Burro e Mantequilla e che dire Buonas Seras non è come dire Buenas Tardes.

Quindi, anche se non ne avete voglia, fatevelo un corso in Spagnolo base! Non vi preoccupate di parlarlo perfettamente ma almeno avere una base vi può servire, soprattutto per trovare un lavoro e negoziare l’affitto di un appartamento.

Non fate l’errore di venire in Spagna e pensare: “Quando sarò lì mi arrangerò…”, siamo fortunati che gli spagnoli sono molto gentili e anche se parliamo uno spagnolo maccheronico  loro ci capiscono e sono disponibili a darci una mano, però non è sempre così.

Imparare il castigliano non è solo importante per comunicare ma anche per tradurre il vostro curriculum vitae in spagnolo, aspetto molto importante per trovare un lavoro.

Traferirsi in Spagna: 2. il lavoro




Per poter vivere in Spagna dovete trovarvi un lavoro. Al giorno d’oggi come tutto è molto internettizzato la cosa risulta piuttosto semplice.

Potete andare sui vari siti di offerte di lavoro, iscrivervi e inviare il vostro curriculum tradotto in spagnolo.

Ecco un breve lista di pagine web che si dedicano a questo:

  1. InfoJobs
  2. Job Rapido
  3. Extra Hosteleria: per chi lavora, o vuole lavorare nel settore della ristorazione
  4. Milanuncios: annunci di lavoro su tutto il territorio spagnolo
  5. Sezioni annunci di vivereinspagna.it

Ora vedaimo come cercare casa…

Trasferirsi in Spagna: 3. la casa



Chiarito dove volete andare a vivere e trovato il lavoro che cercavate non vi resta che cercare casa. Potete dare un’occhiata ai seguenti siti:

  1. Fotocasa
  2. Ya encontre
  3. Pisos
  4. En alquiler
  5. Idealista
  6. Milanuncios
  7. Tu casa
  8. Sezione annunci di vivereinspagna.it

Di solito i termini dell’affitto sono sempre li stessi: per entrare nell’appartamente dovete pagare due mesi di caparra più il mese d’affitto in corso. Ultimamente molti affittuari chiedeno anche una copia di un contratto di lavoro definito, come garazia che li possiate pagare, ma ogni caso è diverso. Potete spiegare che vi state trasferendo dall’Italia quindi magari possono chiudere un occhio.

Se per qualsiasi ragione prendere in affitto un appartamento vi è complicato allora potete ripiegare nel prendere in affitto una stanza in un appartamento condiviso: non è una soluzione definitiva ma per iniziare va bene, molto utile questa soluzione per poter fare l’empadronamiento.

Ci sarebbe un’altro punto di cui parlare ed è questo…

Trasferirsi in Spagna: affidarsi ai connazionali




Questa voce non l’ho inserita tra le tre cose da fare per trasferirsi in Spagna perché è la cosa più semplice e ovvia.

Ci sono molti gruppi su Facebook, forum e blog nei quali trovate connazionali disponibili a darvi una mano.  Purtroppo questa può essere la soluzione più veloce e facile, ma può essere anche una arma a doppio taglio.

Non voglio fare di tutte l’erba un fascio ma voglio solo mettervi in guardia che c’è gente che con la scusa di “aiutare un paesanopossono truffarvi.

Se proprio volete affidarvi ad un connazionale per iniziare la vostra avventura in Spagna assicuratevi che siano persone di fiducia, amici stretti o parenti. (Non è detto che loro non vi imbroglino però le possibilità sono minime).

Ci sono molti Italiani che aiutano altri Italiani a stabilirsi in Spagna non solo offrendo un lavoro ma anche un alloggio. Consideratelo solo come un punto di partenza e non di arrivo e valutate bene tutte le offerte che vi propongono.

Per mia esperienza personale sono stato truffato sia da spagnoli che da italiani, e sono sempre stato aiutato sia da spagnoli che da italiani. Quindi non si può generalizzare. Però se la cosa vi puzza, allontanatevi.

Trasferirsi in un altro paese deve essere una avventura piacevole, non frustrante.

Quindi armatevi di positività e … ¡buena mudanza!

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti