Novità nei cinema spagnoli: si abbesserà l’Iva Nel 2018 l'Iva dell'industria cinematografica spagnola si abbasserà dal 21 al 10%

In Spagna l’industria del cinema fattura tanti soldi però molti si affidano ancora al download illegale (oppure a piattaforme come Netflix) per vedere un film nuovo di zecca.

Ora sembra che, come annunciato il segretario di Stato della cultura Fernando Benzo lo scorso settembre, l’va del cinema passerà dall’attuale 21% al 10%.

[Fonte: El Confidencial]

L’avventura inizia! Il primo video di You Tube di VivereInSpagna.it

Care e cari connazionali,
finalmente siamo presenti attivamente su You Tube.

È stato caricato un video su You Tube per farmi conoscere.

Mi chiamo Andrea e vivo in Spagna da tre anni… che stanno diventando quattro.
Nei video si parlerà di come è vivere in Spagna e non solo. Non vi rimane che restare in attesa di altri video per saperne di piú. Per questo vi invito a iscrivervi al canale di You Tube.
Ed ecco a voi il primo Video con la mia faccia 🙂

Il senato di Spagna ha votato per applicare l’art. 155

Il Senato di Spagna ha votato per poter applicare l’articolo 155 della Costituzione Spagnola.



L’articolo 155 recita:

Qualora una Comunità Autonoma non dovesse ottemperare agli obblighi importi dalla Costituzione o dalle altre leggi, oppure si comporti in modo tale da attentare agli interessi generali della Spagna, il Governo, previa richiesta al Presidenza della Comunità Autonoma o con l’approvazione della maggioranza assoluta del Senato, potrà prendere le misure necessarie per obbligarla all’adempimento forzato dei suddetti obblighi o per la protezione dei suddetti interessiart.155 Costituzione Spagnola

L’applicazione dell’articolo 155 è stata approvata dal Senato Spagnolo. Il senato ha deciso di agire così dopo che la Catalogna ha approvato la sua indipendenza.

La Catalogna ha dichiarato l’indipendenza

Dopo il referendum del 1 Ottobre e le sue conseguenze la catalogna, con a capo il presidente della comunità Puidgemont, ha dichiarato la indipendenza.



Il Parlament catalano ha votato per l’indipendenza con 70 voti a favore 10 contrari e 2 in bianco. La votazione è avvenuta comunque con mezzo parlamento vuoto: assenti i partiti “unionisti”.

Il Senato spagnolo andrà a votare se applicare l’articolo 155 della costituzione spagnola.

Qualora una Comunità Autonoma non dovesse ottemperare agli obblighi importi dalla Costituzione o dalle altre leggi, oppure si comporti in modo tale da attentare agli interessi generali della Spagna, il Governo, previa richiesta al Presidenza della Comunità Autonoma o con l’approvazione della maggioranza assoluta del Senato, potrà prendere le misure necessarie per obbligarla all’adempimento forzato dei suddetti obblighi o per la protezione dei suddetti interessiart.155 Costituzione Spagnola

Attentato a Barcellona

attentato a barcellona

Ieri (17 agosto 2017) un furgone bianco irrompe nella Ramblas di Barcellona investendo la folla. Si conferma un attentato terrorista. Ecco la cronaca dell’ attentato a Barcellona.

Barcellona: attentanto ne Las Ramblas

Ecco un riassunto dei fatti di Barcellona:

17.30: Un furgone bianco irrompe ne Las Ramblas da Plaza Catalunya. Zizzagando investe tutte le persone che trova sul suo cammino. La sua corsa folle finisce all’altezza del mercato de La Boqueria. Si dice che i sospettati si sono rifugiati in un bar o ristorante. I Mossos d’Esquadra smentiscono la notizia. Si evacuano centri commerciali e alberghi.

18.45 circa: isolata la zona urbana intorno a Las Ramblas. Treni e metropolitana bloccati. La gente non può entrare nella zona.

19.20: Investiti due mossos durante un controllo in località St. Just Desvern

19.30 circa: Viene arrestato Driss Oukabir. Notizie confuse sul detenuto, non sembra essere il conducente.

19.51
: Trovato un secondo furgone a nord della città. Si crede che questo furgone sarebbe servito ai terrorist per la fuga.

21.40: Vengono confermati due detenuti. La polizia prega di non divulgare foto o video in internet, invitando a non diffondere notizie non ufficiali.

23.50: L’attentato di Barcellona viene relazionato a una esplosione avvenuta a Alcanar. Non si ha nessuna prova che l’autista del furgone fosse armato.

00.00: confermate il numero delle vittime

18 agosto 2017 – 2.00 circa: Possibile attentato a Cabrils. Abbattuti i presunti autori. Operazioni di polizia provocano rallentamenti sull’AP7 verso Tarragona.

3.00 circa: vengono confermati 4 sospettati abbatuti e uno ferito, quest’ultimo detenuto. Si ipotizza che questo fatto sia correlato con gli avvenimenti di Barcellona e Alcanar.

3.12: Si lavora per determinare se i presunti terroristi avevano cinturoni esplosivi.

3.20: I Mossos prevedono di effettuare una esplosione controllata a Cabrils.

3.55: Muore il quinto terrorista ferito negli avvenimenti di Cabrils.

9.00 circa: detenuta una terza persona a Ripoll relazionata con i fatti di Cabrils e Barcellona.

10.00: I cinturoni che avevano i terroristi erano di esplosivo simulato.

Questo articolo vuole solo esporre i fatti come sono avvenuti seguendo i twit ufficiali dei Mossos d’Esquadra.

Il tragico bilancio è di 13 morti, 15 feriti in pericolo di vita, 23 feriti gravi, 42 feriti lievi

Questo è il numero italiano per avere informazioni
+39 06 36225
Questo è il numero spagnolo
+34 900 400 012

Aiuto! Abbiamo perso il pitone!

pitone

Reifel, questo è il nome del pitone di 50 centimentri, è scomparso una settimana fa a Torrente, Valencia.


AAA Cercasi Pitone

I genitori di un bimbo di undici anni denunciano la scomparsa del suo baby pitone. I genitori del bambino affermano che Reifel non è pericoloso e non è velenoso (nda: è un pitone!).
La madre dichiara che era ormai diventato amico di fuo figlio e che lo faceva passeggiare come un cane. (nda: è un pitone!).
È probabile che il pitone non sia andato molto lontano, come hanno affermato esperti in rettili, però non si esclude che sia scappato per il water.

I genitori hanno regalato a loro figlio di undici anni l’animale da meno di un mese (nda: è un PI-TO-NE!) e assicurano che hanno tutti i documenti in regola per possedere questo animale esotico.

Adesso il pitone è piccolo ma ricordiamo che possono raggiungere la considerevole lunghezza di due metri. Per il momento i vicini della signora sperano che il rettile non si infili nelle loro case.

Cercano di emulare la banda del sinpa a Pamplona

Banda del sinpa

Forse i quattordici connazionali s’erano ispirati alla banda del sinpa di cui abbiamo parlato tempo fa. Forse, ma gli è andata male.



Connazionali cerca di emulare la banda del sinpa

Sono 14 gli italiani che hanno cercato di lasciare sul groppone dei titolari di un ristorante di Pamplona un conto di 620 € cercando di fare una “ritirata strategica”.

Purtroppo, per questo gruppo di italiani, il sinpa non è andato a buon fine. Anzi.

La Policía Foral non solo ha obbligato i “listillos sanfermineros” (como la stessa polizia gli ha definiti) a pagare il conto ma a lasciare una mancia pari al 10% del conto.

Il conto era, a parte altre portate, di quattordici menu e 15 chupitos per un totale di 620 €. Niente a che vedere con i sinpa di 2.000 € (fatto da 120 persone durante un battesimo) oppure il sinpa in un ristorante di più di 30.000 € (fatto da 400 persone durante un matrimonio).

A voi le conclusioni…

La Catalogna approva legge sui Cannabis Club

Cannabis Club legge approvata in Catalogna

Per i Cannabis Club legge approvata in Catalogna il 28 giugno. Questa legge regolamenta i 300 e più Cannabis Club sul territorio catalano.


Cannabis Club legge approvata in Catalogna

Questo è il risultato di un percorso burocratico molto lungo, lastricato da polemiche.
Nel 2015 fu fatta una campagna di raccolta firme che grazie alla quale l’iniziativa popolare è arrivata nelle sale del Parlament de Catalunya.
Sostanzialmente questa legge ha eliminato le molte ambiguità che aleggiavano attorno i Cannabis Social Club.

Valencia Flores del Sur, iniziativa gastronomica di ispirazione andalusa

Valencia Flores del sur

Ci saranno a Valencia Flores del Sur (fiori del sud). Nel centro della città, nell’edificio delle antiche scuderie di Calle Pizarro 23 prenderà vita l’evento gastronomico Flores del Sur.


Valencia Flores del Sur, tra i patii andalusi un evento gastronomico in centro

Valencia Flores del sur
Flores del sur patio andaluz in centro a Valencia

Questa è una iniziativa di Amanecer Moscovita, Atreica, Sweet Victoria e Casa Victoria e ci darà la possibilità di viaggiare idealmente nel sud della Spagna grazie a prodotti gastronomici tipici. Immancabili prodotti come jamón iberico (prosciutto crudo spagnolo), salazones (le salagioni, prodotti di pesce secco sotto sale), pescadito fritto (frittura di pesci tipici), il tutto innaffiato da ottimo vino.

Flores del Sur non ci delizierà solo le papille gustative ma anche gli occhi e gli orecchi, infatti l’evento ha un ricco programma di attività di danza e musica. Preparatevi quindi a ballare una sevillana e a degustare una tapa di ottimo jamón per essere magicamente teletrasportati nella magica Andalucia, tutto questo nel centro di Valencia.

Programma dell’evento

L’evento avrà luogo nelle antiche scuderie (Antiguas caballerizas) di calle Pizarro 23, da mercoledì 3 maggio a domenica 7 maggio. Di seguito il programma.

Miércoles 3 Maggio

  • 18.00 Accensione della luminaria e apertura degli stand.
  • 18.30 Afterwork di fino y tapitas del sur.
  • 21.00 Evento privato.
  • 00.00 Chiusura delle porte.

Jueves 4 Maggio

  • 12:00 Aperture porte.
  • 14.00 Tapeo, musica e fiori.
  • 19.30h Inaugurazione.
  • Spettacolo di El Potri (cantate), Juan José Amador (chitarrista), Comanche (percussionista), María Romero (ballerina).
  • Degustazione di jamón de Huelva e fino.
  • 21.00h Tapeo, música e fiori.
  • 00.00h Chiusura delle porte.

Vernedì 5 maggio

  • 12.00 Apertura porte.
  • 14.00 Tapeo, música e fiori.
  • 19.30 Spettacolo di flamenco.
  • 20.00 Classe di sevillanas.
  • 21.00 Tapeo, música e fiori.
  • 00.00h chiusura delle porte.

Sabato 6 maggio

  • 12.00 Apertura porte.
  • 12.15 Laboratorio di cucina tradizionale applicata elle nuove tecniche di Carlos Julián (Chef esecutivo del ristorante Ampar)
  • 14.00 Tapeo, música e fiori.
  • 19.00 Lezione di sevillanas.
  • 21.00 Tapeo, música e fiori.
  • 00.00h Chiusura porte.

Domenica 7 maggio

  • 12.00 Apertura porte.
  • 12.30 Lezione di sevillanas.
  • 14.00 Tapeo, música e fiori.
  • 20.00 Chiusura.

Fonte: viernesgastronomicos.com

Valencia: multa di 210 euro a chi spaventa i piccioni

valencia piccioni

Ne avevamo sentite un po’ di tutti i colori però che ci sia la possibilità che ti multino per spaventare i piccioni non ci avevamo pensato. Questo succede a Valencia.



Multa di 210 per chi spaventa i piccioni a Valencia

È un’ordinanza del 2002 e sembrerebbe che anche Alicante voglia aderire a questa iniziativa.

L’ordinanza è già presente in altre città come Barcellona, Vitoria, León o Avilés.

La legge è stata promossa dal gruppo Guanyar insiame al PSOE e a Compromis. Ora il PP vorrebbe ridimensionare l’ordinanza, mantenere la parte che proibisce la catura o la caccia ma eliminare la sanzione per spaventare gli animali.

Però la ordinanza è ben più articolata, non solo si parla dello “spaventare gli uccelli”.
Nelle aree verdi chi possiede armi da caccia o ad aria compressa o reti per catturare gli animali può essere soggetto a una sanzione di 210€. Chi pesca, alimenta o lasciare cibo per alimentare gli animali può essere multato con 210 €. Ma c’è ne anche per i nostri amici a quattro zampe: se lasci il tuo cane bagnarsi in una fontana può costarti 300 €.

Gli altri divieti dell’ordinanza

L’ordinanza si estenderebbe a altri divieti come il divieto di arrampicarsi sugli alberi, togliere la corteccia della vegetazione, mettere chiodi o oggetti appuntiti sul tronco degli alberi, legare altalene, scale, bici, moto e cartelli.
Se invece tagliate fiori, rami o specie vegetali nei giardini pubblici del comune potete essere multati con 300 € di multa. Ben più salata è la sanzione per chi pota o raccoglie innesti di alberi oppure toglie le piante più giovani, gli costerà ben 510 €.

Vai alla barra degli strumenti